PRESENTAZIONE_CHINAMEN: graphic novel e documentario a cartoni animati | Museo d’Arte Orientale
Events & Exhibitions / MAO

MAO

PRESENTAZIONE_CHINAMEN: graphic novel e documentario a cartoni animati

Progetto di Ciaj Rocchi e Matteo Demonte

February 17, 2018

Sabato 17 febbraio 2018, ore 18

CHINAMEN. UN SECOLO DI CINESI A MILANO

Una Graphic Novel e un Documentario a Cartoni Animati per scoprire un secolo di integrazione italo-cinese in Italia.

Da dove venivano, come vivevano, cosa vendevano i primi cinesi arrivati in Italia? Come erano visti dagli italiani? Perché finivano spesso nelle prime pagine dei giornali nazionali? E qual è stato il loro destino, durante il Fascismo? Come sono nate le prime famiglie miste, dopo la Guerra? E quale la storia della prima donna cinese ad arrivare in Italia?

Sabato 17 febbraio alle 18, in collaborazione con BeccoGiallo e in occasione della settimana di festeggiamenti per il capodanno cinese, verrà presentato al MAO Museo d’Arte Orientale Chinamen, la graphic novel divenuta già documentario animato di Ciaj Rocchi e Matteo Demonte.

Un progetto che, come una vecchia scatola ritrovata in soffitta, contiene i ricordi delle più antiche famiglie italo-cinesi e racchiude al suo interno quel che c’è di più prezioso per le generazioni a venire: la memoria. Come vecchie fotografie, lettere o ritagli di giornali ingialliti, queste pagine sono simboli e tracce del nostro passato. Frutto di una ricerca unica nel suo genere, in cui sono confluite interviste, album di famiglia e documenti inediti, Chinamen rappresenta la storia collettiva di tutti i principali lignaggi storici (Hu, Tschang, Wu, Lin, Jang, Chen), e si configura come un'opera in grado di riattivare quel cerchio di amicizie che più di un secolo fa aveva dato vita a un mondo di relazioni, famiglie e imprese.

Chinamen è un saggio a fumetti che ripercorre 100 anni di storie di immigrazione e integrazione cinese in Italia: dai primi commercianti arrivati per l’esposizione universale di Milano nel 1906, alle relazioni diplomatiche tra l’Italia e la Cina che favorirono, tra gli anni ’20 e ’30 del secolo scorso, un primo vero piccolo flusso migratorio verso il nostro Paese; dalla nascita della comunità cinese di Milano e Bologna alle difficoltà incontrate dai cinesi internati nei campi di concentramento in Abruzzo e Calabria durante il Fascismo, fino alle vicende straordinarie dei grandi imprenditori degli anni ’60 e ’70.

L’omonimo documento audiovisivo è stato realizzato dagli autori Ciaj Rocchi e Matteo Demonte, in co-produzione con Comune di Milano e Mudec - Museo delle Culture, ed è altresì testimonianza di questa integrazione.

Il progetto Chinamen è soprattutto espressione di un desiderio a lungo maturato dagli autori, di raccontare questa storia al di fuori dall’ambito della ricerca sociologica e/o storica, utilizzando piuttosto mezzi e linguaggi della contemporaneità, perché sono gli unici in grado di stimolare una riflessione allargata sul significato di identità multietnica delle nostre città.

Lo stesso Matteo Demonte è cinese di terza generazione: suo nonno era uno dei fondatori della comunità cinese di Milano e la sua storia è raccontata nel libro Primavere e Autunni (BeccoGiallo 2015) di cui Chinamen (BeccoGiallo 2017) è la diretta conseguenza: infatti, molti degli eredi di questi primi immigrati cinesi, che si erano fortemente riconosciuti nel racconto, avevano deciso di aprirsi condividendo con gli autori i propri ricordi. “Per anni, il punto era stato italianizzarsi il più possibile; dopo la pubblicazione di Primavere e Autunni, anche i più ritrosi hanno capito che la loro storia aveva un valore universale, che poteva essere inserita nel quadro più vasto della storia del nostro Paese e che non era più solo qualcosa di privato, qualcosa di cui vergognarsi. Una sorta di ripresa di coscienza delle proprie radici e del valore del percorso migratorio dei loro padri.” (Ciaj Rocchi)

La graphic novel è in vendita presso il bookshop del Museo (184 pagine – Colori - 18,00 € - BeccoGiallo marzo 2017).

Non è possibile, invece, acquistare il DVD del documentario poiché l’opera è proprietà del Mudec, Museo delle Culture e fa parte della sua collezione permanente.

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>> 

Ciaj Rocchi (Milano 1976) e Matteo Demonte (Milano 1973) sono videomaker e autori di fumetti. Hanno pubblicato le graphic novel Primavere e Autunni (2015 BeccoGiallo Editore - selezione premio Andersen) e Chinamen, un secolo di cinesi a Milano (2017 BeccoGiallo Editore – selezione Gran Guinigi) di cui hanno realizzato anche un omonimo documentario a disegni animati e per cui hanno curato una mostra allestita al Mudec tra marzo e aprile 2017. Dal 2015 sono illustratori editoriali per La Lettura e II Corriere della Sera.

Nel 2005 hanno fondato la GKL Film, un collettivo indipendente di autori, attori e tecnici che nel 2016 ha presentato Uccellacci! un documentario dedicato al giornalismo a fumetti in Italia (Milano Film Festival e Sole Luna Doc Festival) e I diari della Tigre Bianca, un road-documentary realizzato in collaborazione con gli studenti dell’Università dell’Insubria di Como.

Contatti Ciaj Rocchi e Matteo Demonte +39 338 3799 713

ciaj.rocchi@gmail.com 

www.primavereautunni.com  

www.chinamen.it

 

MAO / Information

Opening times

From November 30th, 2019 NEW OPENING HOURS
Tuesday - Sunday: 10 AM - 6 PM

Closed on Monday.

The temporary exhibition "Warrior women from the Land of the Rising Sun":
Tuesday - Friday: 10 AM - 6 PM
Saturday and Sunday: 11 AM - 7 PM

The ticket office is open until one hour before closing time.

Hours are subject to change during special events, white nights and public holidays. Check the news section for updates
Free admission to the permanent collections on the first Tuesday of each month, unless a public holiday.
Admission rates may vary in the event of temporary exhibitions.

Tickets

PERMANENT COLLECTIONS

Full admission
All-day access to the permanent collections and to some temporary exhibitions:
Adult €10; reduced rate €8.
Free admission to the permanent collections on the first Tuesday of each month, unless a public holiday.

Reduced rate admission:
- Visitors 65+
- Visitors 18-25
- members of associations recognised by the Fondazione Torino Musei
- group visits with 20+ visitors, subject to advance reservation (only one accompanying person acting as contact person is entitled to free admission)
- Citysightseeing Torino tourist bus ticket holders

Buy online

Where is it
Museo di Arte Orientale