Ampolla mamelucca | Museo d’Arte Orientale
Collezioni

Ampolla mamelucca

Provenienza
Siria o Egitto
Datazione
XIV secolo
Materiale e Tecnica
Ottone battuto ageminato in argento

Ampolla ad alto collo e corpo ovoidale, usata come contenitore di acqua profumata.
La decorazione, divisa sul corpo in tre registri orizzontali, è basata esclusivamente su arabeschi intrecciati di sottili fili d’argento. Il registro centrale, più ampio, mostra un fittissimo intrico che rivela la sua lontana origine vegetale; i due registri superiore e inferiore, molto più stretti, riflettono anch’essi disegni di liane e viticci e sono suddivisi ciascuno in quattro settori da piccole rosette. Al disotto del registro inferiore si ha una corona di piccole perle; sulla parte bombata al disopra della spalla si ritrovano i motivi della fascia centrale.
Il collo presenta un primo breve tratto troncoconico seguito da un rigonfiamento quai sferico e poi da un lungo cono sottile che culmina in una bocca sferoidale.