AKSHOBHYA | Museo d’Arte Orientale
Collezioni

AKSHOBHYA

Provenienza
Tibet centrale
Datazione
XIV secolo
Dimensioni
h 58,8 cm
Materiale e Tecnica
Fusione in rame con tracce di oro freddo
Inventario
Hb/48

Il Buddha del Paradiso d'Oriente rivela nel nome stesso (Akshobya: l'Irremovibile, l'Imperturbabile) la sua origine come ipostasi del momento che vide la tentazione del Buddha Shakyamuni da parte di Mara e la sua incrollabile decisione di raggiungere l'Illuminazione.
Il Budha siede in vajrasana su una doppia corolla di loto culminante in un filare di perle, con la mano sinistra nell'atteggiamento della meditazione e con la mano destra che sfiora il suolo nella Bhumisparshamudra (il gesto che chiama la Terra a testimone del diritto maturato in infinite vite precedenti).
La maestosità dell'atteggiamento e il sorriso appena accennato richiamano lo stile indiano del periodo Pala.