Letteratura mediorientale al femminile. Ciclo di incontri in occasione della mostra SAFAR: VIAGGIO IN MEDIO ORIENTE | Museo d’Arte Orientale
Eventi & Mostre / MAO

MAO

Letteratura mediorientale al femminile. Ciclo di incontri in occasione della mostra SAFAR: VIAGGIO IN MEDIO ORIENTE

a cura di Farian Sabahi

da 23 Marzo 2019 a 6 Aprile 2019

Farian Sabahi - giornalista e storica, curatrice della mostra SAFAR: VIAGGIO IN MEDIO ORIENTE e autrice degli scatti esposti - tiene al MAO un ciclo di tre lezioni in tre sabati mattina sulla letteratura femminile mediorientale. Ogni incontro sarà dedicato ad una autrice e per ognuna si farà riferimento a uno o due testi in particolare. Il pubblico potrà arrivare in museo conoscendo già i libri e le scrittrici o potrà lasciarsi affascinare per prossime letture.

23 marzo ore 11: Vénus Khoury-Ghata, Libano

“La casa era sull'orlo di una strada come sull'orlo del pianto, i vetri sul punto di scoppiare in singhiozzi”. Da questa epigrafe all'inizio del romanzo il lettore è introdotto in un'atmosfera di dolorose esperienze familiari nella città di Beirut. Qui trovano radici le inquietudini di una famiglia sconvolta dalle intransigenze del padre che, vittima del proprio passato, infierisce sul figlio maggiore, nel cui tormento sembra confluire tutto il male di vivere della casa. La sorella, voce narrante e voce del dialogo con il fratello poeta ormai rifugiato nella follia, ripercorre la storia dell'infanzia e della prima giovinezza fino al 1975, data che segna l'inizio della guerra civile. Una voce femminile, in grado di rendersi libera.

L'autrice: Vénus Khoury-Ghata è nata nel 1936 in Libano, dove ha trascorso la prima giovinezza studiando e iniziando la carriera giornalista la carriera giornalistica a Beirut. Sposa a vent'anni di un libanese, madre di tre figli, vive a Beirut fino 1973, quando si trasferisce a Parigi per un nuovo amore (un medico e ricercatore francese), una figlia, una nuova vita. Altre perdite, altre esperienze segnano la sua vita, ma sempre resta costante l'attività letteraria.

I libri:
Vénus Khoury-Ghata, La casa sull'orlo del pianto, Il leone verde, Torino, 2005 (traduzione di Gabriella Messi).
Vénus Khoury-Ghata, La casa delle ortiche, Il leone verde, Torino, 2006 (traduzione di Gabriella Messi).

30 marzo ore 11: Inaam Kachachi, Iraq

“Una casa non è solo muri, un tetto, un giardino e un terrazzo ma, piuttosto, un senso. Un senso che racchiude in sé svariati significati. Le residenze si moltiplicano, la casa resta una, ed è l', in Iraq”. Così scrive l'autrice di Dispersi, un romanzo di cui è protagonista la giovane ginecologa Wardiya Iskandar. Dopo la laurea a Baghdad, viene destinata a Diwaniya, una cittadina a sud dell'Iraq. Ed è nostalgia il sentimento che le brucia dentro, lontana da casa e dai famigliari. Ed è quello stesso sentimento che le si agiterà dentro quando sarà costretta a lasciare l'Iraq.

L'autrice: Inaam Kachachi è nata nel 1952 a Baghdad. È scrittrice, giornalista e corrispondente per molti giornali arabi. Vive a Parigi dal 1979, dove ha ottenuto un dottorato in Storia del giornalismo alla Sorbona. Con Disperi ha vinto il Prix de la Littérature Arabe 2016 ed è entrata nella shortlist dell'International Prize for Arabic Fiction 2014, il più importante premio letterario del mondo arabo.

Il libro: Inaam Kachachi, Dispersi, Francesco Brioschi Editore, Milano, 2018 (traduzione di Elisabetta Bartuli).

6 aprile ore 11: Nasim Marashi, Iran

Vivere a Teheran oggi, con i problemi, i timori e le inquietudini che segnano il passaggio all'età adulta in un Paese dai contrasti ancora forti. Tre giovani donne che affrontano il futuro, lacerata dal dramma di non essere più come le madri e ancora molto lontane dalla vita delle figlie che le seguiranno. È questo il tema del romanzo di cui sono protagoniste tre giovani donne, la cui amicizia è nata nelle aule della facoltà di ingegneria dell'Università di Teheran. Sulla soglia dei trent'anni, si confrontano sulle scelte importanti dalle quali dipenderà il loro destino futuro.

L'autrice: giornalista e sceneggiatrice, Nasim Marashi vive a Teheran dove è nata nel 1984. Autrice di vari racconti, premiati a più riprese, e di fortunate sceneggiature cinematografiche, ha pubblicato nel 2015 il suo primo romanzo, L'autunno è l'ultima stagione dell'anno, premiato come miglior libro dell'anno con l'assegnazione del premio letterario Jalal Al-e Ahmad.

Il libro: Nasim Marashi, L'autunno è l'ultima stagione dell'anno, Ponte33, Roma, 2017 (traduzione di Parisa Nazari).

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>> 

Ciclo 3 appuntamenti letterari € 20. Prenotazione consigliata t. 011.4436999.

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>> 

Farian Sabahi (1967) - Giornalista professionista specializzata sul Medio Oriente, scrive per Il Corriere della Sera, il settimanale Io Donna e il manifesto. È lecturer in Political Science and Religion alla John Cabot University di Roma, dove insegna History and Politics of Modern Iran e Introduction to Islam. È anche titolare del seminario “Relazioni internazionali del Medio Oriente” presso l'Università della Valle d'Aosta.

Il bazar e la moschea. Storia dell'Iran 1890-2018 (Bruno Mondadori 2019) è il suo ultimo libro. Nel memoir Non legare il cuore. La mia storia persiana tra due paesi e tre religioni racconta le sue vicende e quelle di famiglia (Solferino 2018). Tra gli altri suoi volumi: Un'estate a Teheran (Laterza), Islam. L'identità inquieta dell'Europa (Saggiatore) e Storia dello Yemen (Bruno Mondadori). Noi donne di Teheran (disponibile anche in francese e in inglese) e il libro-intervista Il mio esilio con l'avvocato iraniana Shirin Ebadi insignita del Nobel per la pace sono pubblicati da Jouvence.

Nel 2018 il MAO Museo d'Arte Orientale di Torino, il Mudec Museo delle Culture di Milano, il festival Sguardi Altrove e la Comunità Ebraica di Casale Monferrato hanno ospitato il cortometraggio I bambini di Teheran.

Nel 2010 è stata insignita del Premio Amalfi sezione Mediterraneo, nel 2011 ha ricevuto il Premio Torino Libera intitolato a Valdo Fusi, e nel 2016 il Premio giornalistico “Con gli occhi di una donna”. www.fariansabahi.com

MAO / Informazioni

Orari

Dal 30 novembre 2019 NUOVO ORARIO
Da martedì a domenica dalle 10 alle 18

Chiuso il lunedì.

La mostra "Guerriere dal Sol Levante" sarà visitabile nei seguenti orari:
dal martedì al venerdì dalle 10 alle 18 
sabato e domenica dalle 11 alle 19.

La biglietteria chiude sempre un'ora prima. L’uscita dalle sale è prevista 10 minuti prima della chiusura museale.

Biglietti

Collezioni permanenti
Intero: € 10
Ridotto: € 8
Gratuito: minori 18 anni, Abbonamento Musei Torino, Torino + Piemonte card

Il primo martedì del mese, non festivo, l'ingresso è gratuito per tutti.
Le tariffe possono subire variazioni in presenza di mostre temporaneee.

Scopri le tariffe del museo

Acquista online il biglietto

Enti convenzionati

Biglietto multimuseo

Dove si trova
Museo di Arte Orientale